Wednesday, August 16, 2017

Scordare e dimenticare

Il mondo gira ma tu resti li seduto,
nell'angolo del mio cuore assegnato solamente a te.
Non riesco più a distinguere la  terra o il paradiso
se i miei pensieri sono verso di te.
Ogni vibrazione del tuo cuore vorrei rinchiuderli
in un scrigno per l'eternità e sentire la soave melodia
rilasciato solo per me.
Tra le due parole usuale,
c'è il scordare e il dimenticare,
uno e crudele e l'altro e impossibile.
Il dimenticare si cancella dalla mente,
ma il scordare si toglia dal cuore.
Se un giorno mi cacci via dal tuo cuore e dalla tua vita,
io diventerò una vagabonda a cercare quello che non
avrò più tutto per me. No cederò allo scuotermi
e capricci del vento o alle lusinghe incessante del
cielo che mi reclama in volo.  Io che son
foglia aggrappata a te e che mi sostiene
nel bene e nel male sino all'ultimo mio respiro,
se debbo cadere, meglio cadere insieme a te,
se debbo invecchiare, meglio invecchiare in due,
e se morte arriva, meglio andarsene insieme mano nella mano.....

Thursday, August 10, 2017

La fine della scappatella

Ecco la fine di una bella scappatella.
Un piccolo racconto e dopo chiudo questo
capitolo.  Cercavamo un bel posto dove
poter godersi l'ultima serata a Roma, ma          
no in un posto nel centro, ma bensì in un
posto un po più tranquillo e con caratteriste
romane.  E cosi armati di fotocamera, di un
paio di running shoes, ci siamo messi a la
ricerca di questo posto anche se non sapevamo
dove trovarlo. Giro a destra, giro a sinistra,
avanti e avanti per vicoli, si ritornavo indietro
perché era buio o perché no piaceva gli
odori che si sentivano. Si cammina, si gira e rigira
per finalmente ritrovarsi in un posto con
molto gente ed ecco che si avvicina un cameriere
un po da clown un po da galante cavaliere ci
invita a mangiare al  suo restaurante, noi diciamo
di no, lui di si, noi do e lui di si, finalmente un po
tutte e quatre stanche ci siamo detto perché no qui.
il nostro cameriere "Antonio" apri una bottiglia di
un vino bianco ben freddo, di offri delle patatine e
delle sedie per aspettare che si liberasse un tavolo.
Aspettare 10 minuti per il tavole passo molto presto,
Antonio era un po un commediante a chi piaceva le
belle ragazze ma fu anche molto gentile con me e i
miei capelli bianchi. Gli dissi facci una sorpresa con
il cibo e lui molto contendo disse "Perché no".
e cosi ci servi qualcosa che nessuno aveva intorno a noi,
molto ma molto buono e passammo una bellissima
serata li a guardare gente che va e gente che viene,
un signore con chitarra serenava la gioventù femminile
ed ogni tanto mi faceva un occhiolino,  (sapeva chi
pagava il conto a la fine .... la signora con i capelli bianchi).
E va bene si e meritato una bella mangia e anche un
bacio.  NB: Antonio non era Italiano ma bensì un immigrante.
Fini cosi la nostra ultima serata a Roma a l'entrata a
l'hotel prenotai un taxi per l'indomani e a la mia grande
sorpresa mi dissero che costava $60 Eu... chiese il perché
e mi dissero che la domenica si paga di piu dei altri giorni.
OK quando vai a Roma fai come i Romani...
Il nostro tassista poteva vincere corse di auto Formula 1,
per la sua corsa tra le strade di Roma e autostrada.
Correva e parlava a rompi collo e pure avevamo molto, ma molto tempo
e non c'era nessuna necessita per la sua corsa pazzesca.
A l'arrivo ci guardo in faccia e vedendoci bianche come le
lenzuole si accorse che aveva un po esagerato con la sua
corse e ci disse "OK damm 50 Eu e arivederici".
E stato l'unico e vero Romano al cui non abbiamo capito niente
dei suoi discorsi.....

Grazie della vostra lettura e gia sto organizando un'altra
scapatella lampo ma dove ancora non saprei!

Wednesday, August 2, 2017

Impressione cont'd...

Cosa posso dire sulle fontane, statue, monumenti,
non voglio essere cattiva e una brontolona, ma....
Questi monumenti una volta erano  ben mantenuti,
Le fontane era pulite e senza nessuno pezzo mancante.
Puo darsi che sono io che no vedevo più la bellezza
di una volta in questi.  Ma quando un monumento gli
manca un pezzo, già no ti fa più apprezzare quello che
vedi.  Monumenti sporchi dal fume, dalla polluzione,
pittura non più esistente, acqua che correva a gocce a gocce,
e le folle umane intorno a questi e una cosa pazzesca.
"La fontana di Trevi" la mia più grande disillusione,
io la ricordo da prima che fu restaurata e    credetemi caro
lettore questa di oggi quasi e stata di sfigurata.
Ci sono andata a vederla  la mattina a le 08:00, dopo ritornata
intorno a le 15:00 ed in fine intorno a le 23:00, ma mai
potuto avvicinarmi perché 3 vigili erano li e guai a chi
metteva una mano sull'intorno della fontana.
Avrei preso quel fischietto e gli avrei fischiato nelle
orecchie per un bel po di tempo, per fargli capire che
c'è un limite per fischiare a la gente.  Ma come tutte
turiste abbiamo buttano le 3 monetine nella fontana,
chi sa se un giorno ritorniamo e la restaurano come nei
anni passata quando era il gioiellino delle fontane.
Il vaticano e sempre lo stesso, niente cambia,
solo le guardie papale hanno cambiato i lori costumi,
e ce ne sono molto di meno.
Il castello San Angelo prima volta che lo visto e non
e tanto male a guardare e visitare.
Il traffico come tutte le cita del mondo, se non sei
svelto a traversare, dio solo sa dove ti ritrovi.
Le linee pedonale, va beh nessuno sa perché sono li
queste.  Se ti vedano mettere un piode avanti, mica
qualcuno si ferma o rallenta....
Allora costretti a traversare di corsa e sperare che
arrivi salvo a l'altro lato della strada, dove ti
aspettano 1001 venditori ambulanti che anche se dici
"No thank you" ... questi dicano "Ma sti cavoli di gente
non sanno dire altro che Thank u".

OK tutto qui per oggi, Domani sarò più positiva della
mia esperienza.

Tuesday, July 25, 2017

Prime impressione

Eiiiiiii siamo arrivati nella cita eterna.
Piena di aspettazione, di sentire la mia
lingua materna 24 ore su 24, vedere la mia
gente parlando e gesticolando, o gridare
da un'auto a l'altra presa nel traffico cittadino...
Beh dobbiamo prima uscire e passare
le dogane (felice di aver solamente un bagaglio
a mano) cosi niente aspetto al carosello dove
alcune valige erano quasi aperte a la disperazione
dei loro proprietari, ma questo succede ovunque
nei aeroporto del mondo. Tutto bene - siamo fuori
e una boccata d'aria bollente ci da il benvenuto.
op in taxi che ci aspettava e come sempre la nonna
e sempre a fianco all'autista.
Un tipo chiuso per i 10 primi minuti e dopo al
sentirci parlare in Italiano ecco che il nostro
canarino inizio a farci da guida turistica sia sull'autostrada
che per alcune strade nella cita,  Ma  dopo 15 min.
chiedendo di aprire di più il finestrino si offri a
mettere l'aria condiziona che sinceramente mica era
tanta forte... beh quando sei a Roma fai come i romani.

L'albergo era molto moderno e pulitissimo, ma tutti
a letto dopo una bella doccia per un ora e godersi un
po di riposo ben meritato.
Haaaaa Roma dove circolare una strada e come dire
"Che Dio me la mando bene...".  Ho avuto l'impressione
che se vedano una persona mettere un piede sulle strisce
pedonale ecco che accelerano per porte arrivarci prima li
e passarla, cosi non devano fermarsi in case uno metto
un po più di tempo a passare.
OK passiamo anche qui, con il numero di turisti posso
anche credere che questi siano un po bambalita dal
va e viene della città.
Siamo saliti e scesi tante volte scale dei up on bus,
scalinate intorno a fontane, fontanine, scale pulite
altre meno, non bastava i turisti ma anche i piccioni,
cani ed altri per finire la cacofonia delle scale un po
lisce a mio parere e se uno non portava running shoes
beh c'era la possibilità di ritrovarti giù in velocità.

OK ecco un po delle mie esperienze.
 A la prossima con i monumenti per la città.......



Tuesday, July 11, 2017

Le follie romane.


Da oggi mi sto dedicando ad un altro
aspetto dei giovani italiani che ritornano
nei paesi dei nonni e quando risate sia
gli Italiani che questi giovani possono
provare se ci si mettano......
Perché questo piede!
L'uomo di oggi ha il piede molto leggero
e cosi sta diventando un po nomade saltando
da un paese a l'altro senza nessuno fatica.

Ciao e a la prossima.

Sunday, June 25, 2017

Caro nonno

NB: Questa e l'unico ritratto che data dal
1919, ma e stata mal tenuta e cosi no si distingue
quaso per niente.

NB: Lettura di questo testo fatto ieri in una
residenza per anziani.Molto lacrime scivolavano
silenziosamente anche su visi di giovani...
Un'altra lettura sara fatta per la settimana italiana
in agosto. COLGO questo momento per ringraziare
il mio AMICO DAVIDE per il suo aiuto.


Ciao caro nonno,
ma sai chi ti sta scrivendo?
su non dire che non sai, sono la  prima
tua nipote femina nata giusto 20 anni
dopo il tuo decesso.
Ora puoi chiederlo a la nonna
che ti sta vicino, e si la nonna,
quella donna/ragazzina autoritaria e
bella come un bocciolo di rose
che a 14 anni si innamoro di te
un uomo di quasi 2 m. con un sorriso
favoloso, una capellatura a fare morire
d'invidio tutti gli calvi del tuo villaggio
adottivo.A quello che racconto la nonna
tu eri uno con una barzelletta sempre pronta,
sempre pronto a rubare un bacio 
ad una ragazzina nascondendoti dietro
un muro, una colona o pure facendo
finto ti passare di la prendevi le tue mane
da gigante e giravi la nonna con un bacione
e un occhiolino a la sua sorella che non
disse mai niente a nessuno delle tue
avanze amorose con la nonna. 
Nonno oggi ho trovato questo scritto
che poteva facilmente essere stato scritto
dalla nonna, tu che eri di passaggio come
bersaglierò quell'estate e gli giurasti il
grande amore.  O nonno perché sei partito
e ritornato dopo anni e anni, sapendo che
la nonna ti aspettava e che ogni giorni 
si rendeva di nascosto a la soglia del villaggio
sperando di vedere il suo gigante con un cappello
di piume nere sulla sua bicicletta ed una vecchia
tromba che ha visto tante cose che mai a voluto
svelare a nessuno.  Finalmente sei ritornato, 
sposato la nonna e hai lasciato dietro te
3 bimbi.  Anche il primo dei bimbi non si
ricordavo molto di te, se eri buono,
se eri onesto, lavoratore, chi erano i tuoi
genitori, chi era la tua famiglia in quel
paese vicino al mare e lontano da quel
paesino di montagna della nonna.
Ti sei portato tutti questi segreti con te,
il giorno che chiudesti i tuoi occhi di
grande gigante e lasciando dietro di te
chi sa quante altre ragazzine per l'italia
sperando il tuo ritorna , ma tu avevi
la nonnina nel tuo cuore e cosi ritornasti
da lei. La nonna no ci ha mai parlate di te
e ora nessuno sa chi TU eri veramente,
possiamo solo spicolare e credere a quello
che i nostri cuore ci lascia credere.
E cosi posso solo immaginare tu l'uomo,
marito, padre e bersagliere, e cosi quando
io trovo qualche scritto o foto di questi
mi viene sempre giù una lacrima perché
io non ti ho conosciuto e nessuno ti conoscerà
con il tempo che passa anche le mie fantasie
di averti conosciuto scompariranno nel nulla,
e cosi spero di conoscerti quando anche io faro
parte della famiglia universale delle anime
che vivano in eterno.
Ecco nonno ora mi sento molto meglio perché
ti ho scritto quello che aveva sul cuore e mai 
potuto dirtelo di persona... 
Ciao nonno aggiunto qui sotto e quello che ho
trovato....


La gente del villaggio guarda e dice
ch'io son felice - ch'io son felice.
M'invidia certo tutto il vicinato
perchè ho trovato un bersaglier!
Ha preso già gli accordi
con mamma e con papà:
ci sposeremo appena congedà.
Il mio amore è un Bersaglier,
baffi biondi e occhioni ner
sul cappello porta piume in quantità.

Se mi stringe forte al cuor
con un bacio tentator
con le piume che solletico mi fa.

Innamorato - me l'ha giurato -
che dal curato mi porterà.

Si dice "non guardare i marinai"
perché son guai - perché son guai"
Ma con il Bersagliere è un'altra cosa;
ogni promessa è verità.

Se il Bersaglier ti giura.
che un dì ti sposerà
puoi essere sicura ......  non lo fa!

Pero il mio bello nonno lo fece!

chi ama

Chi ama veramente diventa
schiavo di quell'amore.
Una schiavitù senza misura e senza fine
si può sentire solo se siamo onesti con se stessi.
L'amore non e un bacio donato solo per
donarlo sia in privato che in pubblico,
ma dare un bacio quando uno sta benissimo
o si da un viso contorto di dolore,
o solamente per dire ti penso.
Una carezza può accentuare l'amore
tra persone giovane o anziane.
Sapere condividere un bacio caloroso
e una vertu difficilissima,
quasi da non esistere più.  Tutto e superficiale
di questi giorni, si prende, si da, si lascia,
o peggio....


Monday, June 12, 2017

il burattino

Quando l'uomo diventa un pupazzo
e perde il suo essere di vita, cosa ne resta?
un pagliaccio senza valore,
un burattino che tutto prendano a calci,
e pure non impara mai dai suoi errori.
Sembra che sia nato per portare il peso del
mondo sulle spalle senza fermarsi dal primo
giorno che si vede in un specchio.
A tu uomo, perché ti rompi la schiena
quando sai benissimo che sei nato per piangere
e ritornare alla terra da dove sei stato concepito.
Ma tu che credi di essere un eroi senza limiti
fisici, beh amico mio meglio che ti metti in
testa che mai vincerai da la stella a te assegnata
da chi a più potere di te.
Puoi andare a la luna, puoi ritrovarti nei più
profondi letti oceani, ma sarai sempre
l'uomo di carni e sangue.  No vincerai mai
come tu pensi, ricordati che altri ci hanno provato
prima di te e pure oggi non esistano che su un
pezzo di carta o in cavo conservati per future
generazione che a la fine s'infischiano dei tuoi
idealismi, sarai sempre un burattino per il
mondo moderno.....

Se ascolti


Il silenzio, fuori da questi muri 
ci sta ascoltando,
io qui nel mio castello d'orato,
lontana dai tuoi occhi,
tu li solo in quel castello derocatto.
Siamo lontani, ma cosi vicini
che basta solo questo silenzio
per ritrovarci e nel dolciore del silenzio
e quietudine esaltiamo una semplicità
tutta nostra nel capire i nostri desideri
e passioni sconosciuti ad altri,
ciò che e nitido e attraente tra i nostri cuori
persi tra una pagine di una lettere e le note
di un concerto lasciato a l'abandono,
mentre il gioco del destino sul nostro lungo
cammino tra te, io e le nostre
avventure che riflettano il nostro passato
e di un tratto ci ha voluto separare
con la sua infinita crudeltà.
Oggi capelli bianchi, lasciamo cullare
da la fantasia ciò che la vita ci ha
negato. Dopo tutto, i sogni hanno sempre
servito a questo, portandoci vicini e
molto lontani, in un mondo dove tutto
e ancora possibile tra due innamorati
non sconfitto dal tempo e lontananza. 

Tuesday, May 30, 2017

Saluto a voi tutti

Buona notte se sei nei miei paraggi

 


buona giornata se sei a l'opposto dei miei paraggi.


ps: scusate la qualità di questa foto, ma scattata
di corsa altrimenti mi beccava una multa per vietato
parcheggio