Monday, April 23, 2018

Aspettero...



Si può fermare il tempo,
accorciare la distanza che ci divide!
Debbo accontentarmi di aspettarti
fuori del mondo, la dove la realtà
diventa una magia,
il mondo dell'odio si trasforma in amore,
e raggi di sole brillano sulle lacrime.
Quel mondo dove si lascia gli orgogli
seminati sulla strada dal tempo dimenticato.
I sorrisi diventano baci restituiti adagio,
dove ogni illusione diventa amore.
Oh dio dell'universo, tu, che ti ritrovi
non sapendo più come comportarti,
come fare capire a noi umani,
che le distanze sono solo un finimento
del nostro cervello un po sbalzati dal tempo.
Come puoi rendermi quella sensazione di
pace, nel posare i tuoi occhi su ogni
alternati oltre la vita di quelli che sognano
un futuro pieno di bellezza originale.
La bellezza si ritrova in noi, nei nostri
cuori e non quella bellezza passeggera
che tutti cercano senza sosta.
Continuerò a cercare con il tuo aiuto
e tutto il tempo che metti a mia disposizione,
non ti chiederò quello che tu non puoi
offrirmi, ma solo quello che tu hai promesso
per me il giorno che sono stata concepita.
Se nella tua saggezza c'era anche l'amore,
va bene, se non c'è, me ne faro una ragione
e continuerò ad aspettare finché
passa il tempo che mi concedi.....

Tuesday, April 17, 2018

Primavera 2018

Ecco la mia Primavera 2018.

Ieri,  il 16 aprile, 2018
si e manifestato i primi segni di primavera.....



con molto freddo, vento, ghiaccio ed i poveri fiori
sono tutti morti!

Monday, April 16, 2018

Taglio di vite

(RIP a una squadra di hockey
che hanno perso piu della meta
della squadra in un incidente
stradale).

Una vita accorciata,
e un taglio nel cuore
di chi li ama.
Un genitori non può
accompagnare suo figlio/a
nel loro ultimo viaggio
solo perché e scritto
nel loro dna.
Un giovano/a a chi gli
e spezzato la vita e una
ingiustizia primordiale e
senza senso.
Ma quando succede
non si può fare altro che
ribellarsi contro la vita,
contro la stupidita umana,
non si può chiedere di
raccogliere i pezzi e di
continuare come se nulla
fosse successo. Un mare
di lacrime non può sanare
un cuore di genitori vedendo
loro figli macellati in un
incidente stradale e poi dire
era la lora sfortuna di andarsene
cosi.  Come si può sedersi
intorno al tavolo di 3 e poi
essere solo 2...
Per il momento questi genitori
sono come dei robot in una nuvola
facendo tutto quello che gli e
chiesto per potere onorare i loro
figli.  Il giorno quando le acque
saranno più calme, l'attenzione
del mondo diminuisce, sarà
l'inizio del loro calvario....
No credo più a il tempo
attenua il dolore, e i
ricordi resteranno vivi per
la vita di quelli che devano andare
avanti senza un pezzo che gli e
stato tolto quando meno se l'aspettavano.
Che quelli giovani riposano in pace
e che si ricordano di chi su questa
terra piangano per loro.



Monday, March 26, 2018

La morta dietro la porta

"Life is a strange passage in time, 
once you believe all is fine 
some event will change it's course. 
You are not alone
for all those who are born 
will have a specific life traced 
on them.
" RIP to a conductor of the Italian TV
quiz show that I loved to watch 
every afternoon. It was a brain challenge
of knowledge mostly in Italian but other
cultures were also present.  It challenged
by brain and at times I would yell and scream
thinking maybe they would hear  the answer.
This conductor was a real jewel of 
"Chevalier", very patient, articulate
but mostly no mater if you answered an
idiocy he would not make you feel 
stupid. Always with a huge smile and
liked by all who watched him. 
He passed away in the night of sunday
to monday.  Leaving all of us now lost
and still not believing it."

Ciao Fabrizio Frizzi - 
wishing you a bright life 
among the stars in the sky, 
because your life here (60 years old)
was very short.  Always remembered
and never forgotten. 

Sorry amici Italiani, ma e mia maniera
di ricordare questo "BELLO UOMO" 
e volevo esprimermi nella lingua che
uso tutti i giorni.

Friday, March 23, 2018

Innamorata

Il sole sorse per me
al tuo arrivo in mezzo
a le mie tante sconfitte,
e ombre delle mie incertezze.
Come un fiore da irradiare,
ti sei preso cura di me,
pazienza era una delle tante
parole ripetute mille e più volte.
No conoscendo chi sono IO,
il mio viso con riflessi
invisibili dove solo l'ombra
illumina i miei pensieri.
Con il tuo carattere esplosivo
hai accesso un cuore stanco
da morire. A certi momenti
anche sperare sembra unitile
o pura follia, la penombra
e diventata amica mia e dovrò
dimenticare quello che ho perso
per colpa mia.
Averti per un ultimo abbraccio,
stringerti e restare muti impassibili
come l'eternità, sentire il tuo
profumo d'amore, guardarti nei occhi
senza abbassare lo sguardo per ciò che
eravamo un tempo, quando eri tutto mio
da poter contemplarti come l'alba che
sorge e felice, la mia anima tormentata
si riposasse un po, ma tu non ci sei
più e il tuo nome e solo un ricordo
ma mi sento più innamorata che mai...

La mia guida...

"Non temere la mia altezza,
io sono qui per quelli che
vogliano seguirmi.
Lasciati che ti faccio via,
con me ritroverai il tuo
cammino tra le cime delle
mie amiche. Possono mostrarsi
di tante forme conosciute
o meno, ma queste, a volte
capricciose si mostrano
feroce per chi gli manca
di rispetto.  Il vento urla nel
lontano e le eco ti raggiungano
silenziosamente,  il sole si vede
e non si vede, le ombre
possono sembrarti strane,
la lune ti guida nel buio della
notte, ora tocca a te a chiedergli
di essere sincere con te che
scavalchi i suoi monti vestito di
bianco e di solitudine, di pericoli
e di bellezze..."

NB:

Saturday, March 17, 2018

Sola


Sola, cerco la solitudine
nel mondo che può essere mio.
Mi confronto ad un muro
steso senza via d'uscita.
Io che ancora non trovo
posto in questo mondo
disordinato e spietato, ma
altri lo trovano perfetto.
Musica amica mia
lasci cullarti dalle note
spuntate cosi d'improvviso,
mentre io cerco via d'uscita
dalle mie paure e solitudine.
No sono come le altre
ma il mio posto e qui e saprò
ritrovarti su quell'isola,
avrò il titolo d'isolana,
e faro di te la mia
 amata terra, proteggero il tuo
corpo, ti faro più bella,
lasciandoti spazzio per
crescere a tua maniera e non
lasciero gli umani distruggerti....

Wednesday, March 14, 2018

La promessa

Correva l'anno 1971 ed io era sola,
Quando t'incontrai subito compresi
che avrei voluto restare con te.
E questa fu la mia promessa,
anche se per noi erano nuove
quelle palpitanti emozioni.
In cambio tu mi promettesti
di curare la mia solitudine
con l'aiuto d'un fausto destino.
Si avvicina un anniversario,
47 anni passati da quella promessa
e mai avremmo immaginato
che potesse durare così a lungo.
La tua presenza brilla
come una stella notturna
e  la sua luce rischiare la mia vita.
Tutto quello che abbiamo realizzato
lo debbo soltanto a te,
mio unico e caro amore di gioventù.

NB: Davide grazie.

Friday, March 2, 2018

Riflessione

Un periodo di riflessione può servici
a tutti.
Riflessione una parole che ci porta
nel passato, ma anche nel futuro.
Beato a chi ci arriva al futuro,
il passato se siamo stati bravi e onesti
e bello ritornarci e riflettere sulle
nostre azione.
Il futuro sarà quello che noi siamo
oggi ma un po più intelligenti,
più vecchi, più poveri o più ricchi,
questo sempre come ti sei comportato
nel passato.
Diventeremo come i bimbi viziati
o saremo rinchiusi nei ospizi?
Ma anche li, se hai soldi sei trattato
un po meglio, ma se sei povero nessuno
ti vuole o ti cerca.
Non cerco a sapere cosa ne sarà di me
domani o fra 100 anni, basta che io
abbia tutte le mie capacita mentale sarò
molto contenda. Altrimenti sono guaii
per me, per quelli che mi devano custodire,
ed io non voglio diventare un peso per
quelli che proclamano di amarci.
Ci possono amare per un periodo di tempo
ma dopo si diventa un peso e quando il
peso diventa un po troppo non vogliamo più
continuare di vivere la vita e vogliamo
lasciare il posto a quelli che ci vengano
indietro.
Viva la gioventù, viva l'anzianità
ma più di tutto viva
QUELLI CHE VOGLIONO VIVERE LIBERI
della società che non se ne frega di niente e di
nessuno. 

Thursday, March 1, 2018

Reputazione di Marzo.


Mi e venuto in mente un racconto di mia nonna:

"Febbraio corto e amare,
MARZO e pazzo..."

Febbraio e stato un mese molto freddo e tanta
neve.
Marzo si presenta come una pecorella,
ma la pazzia, la tiene ben nascosta e cosi
quando meno te l'aspetti, ecco che ti cada a dosso,
sia con il  freddo una o due tempeste inusuale di neve
ex: il 4 marzo 1971, fece la bellezza di più di un metro
di neve e messo tutti in ginocchio per 3 o 4 giorni,
con il messaggio "No si esce di case,
e chi esce sarà la sua responsibilità
e non del popolo...".