Monday, December 31, 2012

Anno nuovo


Cosa mi porterà questo 
Nuovo Anno 2013
No avendo preparato nulla,
mi sono permesso di farmi
trovare al mio posto tanto piacevole
in riva ad un fiume, con il piccolo faro
un po sbilanciato tra le nuvole,
che come me aspettavo e spera tante 
belle cose, per lui un nuovo vestito di pintura,
un cielo sempre clemente, uccelli che si
posano sul suo cappellino solo per riprendere
fiato.  Una lampa nuova per far luce e 
sfidare una stella un po strepitosa,
dalla sua finestra la luna non avrà problemi
e farsi viva dopo aver vinto una partita con
le nuvole.....
Ma come me, ci chiediamo cosa ci riserva 
questo nuovo anno a le porte, entrerà come un
leone o sarà una pecorella tutto l'anno.
Porterà saluta o carboni, un centesimo
o ci farà perdere l'ultima monetina.
Mi metterà rughe o farà bianchire i capelli
a milione di persone. 
Mah per il momento brindiamo e canticchiamo
tutti insieme anche solo per farci coraggio per
il futuro.

Friday, December 28, 2012

Un pagliaccio

Un pagliaccio

il suo compito nella vita
e di far ridere piccoli e meno
piccoli e non di piangere.
Un pagliaccio ti produce
un mazzetto di fiori bellissimi,
o spruzza acqua per cogliere
un visino liscio o piene di rughe.
Il pagliaccio fa vedere il suo
cuore battere a 100 a l'ora
senza fermarsi un attimo.
Ti fa credere che una bici e
per tutti, ma lui non riesce a
starci sopra più di 2 passi.
Oh pagliaccio non sai quando
fermarti per non rubare sogni
ai più piccoli, quelli persone con
tanti d'anni sulle spalle, sorridano
per forza, ma tu riesci a strapparli
più di un sorriso con la speranza
di uno di esse sia sincero.
Ma le tue lacrime chi le raccoglie!
quando mai si vede un pagliaccio
piangere vere lacrime che gli scivolano
sul suo viso masquerato a la vista
di un bimbo li davanti ai tuoi occhi
con un sguardo perso nell'universo,
altri sguardi no sa come farteli vedere.
E cosi piangi anche tu, e preghi, e
passi un messaggio a tutti i genitori
di non mollare, ma di far uscire quelle
lacrime per alleggerire i vostri cuori...
PS: ieri il 27 dic. 2012, sono stata in ospedale,
si sentiva bambini ridere, e mi sono resa
nel reparto dei bambini. Un clown pagliaccio
era li (oncologia) e portava un po di sorrisi
sia ai genitori che a i più piccoli.  A la fine
il pagliaccio si e messo a piangere a la vista
di un bimbo e bimba (gemelli) con ... si e no
un altro 2 or 3 settimane di vita... ma questi
avevano un gran bel sorriso.
Grazie a quel pagliaccio
(non ti ho chiesto il tuo nome per non imbarazzarti)
se vieni a vedere questo blog, ti dico GRAZIE di
cuore.

Monday, December 24, 2012

Buona vigilia,Bonne veillee de Noel

Pace e Bene
in questa notte e giorno di Natale.

Peace on earth
to all mankind.

Paix a tous!


Friday, December 21, 2012

Posso Capire

Posso capire,
posso comprendere tutto ciò che dici
e che hai sempre detto,
sia in pubblico che in privato.
Conosco i tuoi pensieri, le tue idee
e il desiderio che hai
di conquistare spazi infiniti di tempo
che non ti permette di avere una 
normale vita di relazione,
se non con te stesso, magari concedendo
solo particolari ed intensi
spezzoni della tua vita.
Sono triste per la tua decisione,
una decisione che hai maturato da tempo
e che mi hai confermato stanotte
quando ci siamo confrontati.
Hai dichiarato di voler chiudere
quell’ avventura che per noi ha segnato
tanti momenti di smisurata bellezza
e di profondo amore tra noi.
Conosco anche la tua situazione personale,
e ciò che ti dà pensiero.
Il momento che stai attraversando
poco concede alla fantasia ed alla poesia
che tanto ami ed amerai.
Sono certa che, passato questo periodo,
tu saprai ritrovare il tuo equilibrio,
di uomo innanzitutto
e poi di professionista quale sei.
Al di là delle nostre idee private,
al di là di ogni ragionevole
ed assillante mio dubbio emotivo,
voglio rispettare la tua decisione,
anche alla luce di quanto, stanotte,
mi hai confidato circa il fastidio
che provi in questo momento
per tutte le cose a te care.
La vita è come una stella,
vivila facendola brillare
per quanti la san rispettare.
colui che sa rispettarla.

Tuesday, December 18, 2012

Non importa di chi sia...


Oggi tutto e grigio fuori,
nevica senza sosta da 24 ore,
mi sono stancata a guardare un
mondo senza scrupoli e pieno di
malvagità sui giornali e tv.
Sfogliando tra i miei ricordi
conservati gelosamente in un cd
dai occhi dei profani, mi e venuto
in menta quella unica rosa
bagnata da chi,
e per chi
ancora non ricordo e cosi
ora mi metterò a guardarla, analizzarla,
accarezzarla finché tutto diventa
chiare nel mio cervello in cerca di
avventure del passato e del futuro
o come tante altre cose andro a metterla
tra la neve.....

Friday, December 14, 2012

I bambini non si uccidano


Sento un peso,
ma un peso cosi pesante
che non riesco a guardare
nessuno in faccia e ne a prendere
un fiato di vita.
Cosa siamo diventati noi cosi
chiamati ...
UMANITÀ  d'animali,
e gli animali sono 
diventati umani.
I bambini non si uccidano,
i bambini siamo noi,
che li mettiamo al mondo...
arriva un pazzo e c'e li porta via.
I bambini sono sacri santi,
innocenti delle malvagità della
vita, e pure certi nascano con la
stella piena di sangue, sangue
che gli impedisce di guardare
ad un futuro.
Oggi tanti di quei bambini sono
partiti su le alle di angeli venuti
a prenderli cosi a l'improvviso.
Pace a tutte quelle anime, per
i genitori io non so cosa dirgli,
essendo una mamma, una nonna....

NB: prima foto dimostra la purezza
insanguinata.
2nd un angelo che ha accolto questi
nuovi angeli.

Sunday, December 9, 2012

Pietra

Non sono di pietra,
vede il mio riflesso,
non in un specchio,
ma nei tuoi occhi,
Mi guardo,
e nel deserto vedo,
la mia impronta.
E una terra arrida,
senza vita,
spazzata di continuo dal vento
e dove nulla fiorisce.
Il sole l'arroventa ogni giorni
e a nulla serve la pioggia sporadica
che in un attimo svapora.
Altro in te io non vedo,
che questa landa senza pietà.
Io non ripiango più
questo luogo impervio
ora sono tra le stelle e la luna
che ogni notte viene a
badarmi, in lei  mi specchio
e gli chiedo di fare luce
anche su quella terra arrida...

ps: dedica per quelli che amano
una persona che sta per andarsene.

Grazie al mio prof. Davide per 
il suo aiuto

Tuesday, December 4, 2012

Isola perduta

C'è un’isola sospesa
tra un mondo di cielo e nuvole,
e un lago riempito di lacrime.
Cerco in ogni occasione
di ritrovare il cammino
che mi condurrà a quell'isola,
dove so che un'anima mi aspetta.
Lunga è la strada verso quel miraggio
circondato da una nebbia
che nasconde ogni segno di vita,
ma, nel silenzio della notte,
sento piangere e recitare versi
di una poesia che solo io e lui
possiamo comprendere…

NB: Un sincero ringraziamente a Davide
per l'aiuto con il mio italiano e quello che
risento ma non riesco a dire in Italiano.

Sunday, December 2, 2012

Senza Titolo

Una strana notte,
con dolci contenuti romantici
e forti accenti di parole dette
e sottintese guardando i raggi
di una luna sparviere,
si rifiutava a concedere tregue
ad una notte di strane passioni.
Sentivo le mie estremità
far impazzire e giocare
con il mio corpo avvertivo
strane sensazioni
a cui non davo un nome
a cui non immaginavo un volto.
Tutto improvvisamente finì
così come era cominciato
e la luna pallida mi accarezzò di
una luce lungo la mia delicata
schiena, giocava a correre
sul mio corpo inerte dal
sonno, no riusciva a farmi
aprire gli miei occhi più scuri
della notte, si fermava sulle mie
labbra tra chiuse, accarezzava
il mio collo e scendeva sempre
più giù, sul mio petto reso
pallido da quei raggi insolenti,
mio stomaco trepidava e mia
pancia resto tesa dal mio insuto,
le mie gambe ricoperte da un fine lenzuolo
da far travedere curve smosse
ogni tanto dai miei piedi delicati e fini.
Luna o luna stai facendo un
inventario! per chi....
io non conosco nessuno che
vuole di me e cosi mi sono
rassegnata a restare con la mia
maschera che ho messo il giorno
che ti sei portato il mio unico e solo
cuore con te.

Wednesday, November 28, 2012

Io e te ...

Il tuo sorriso e ciò che hai di bello..
non lo abbandonare, non lo lasciare al vento,
ma seguilo ovunque esso ti porterà
e concedigli speranza alla vita che con un sorriso
apre le porte del cielo e rende le stelle più luminose,
Ogni giorni, al tuo risveglio, dopo il tuo sogno
troverai in comune accordo che sorge e tramonto
il sole nei tuoi occhi.
L'aria di tanti racconti svolgeranno lentamente
tra i giorni difficili, e marcheranno la tua anima,
I bei giorni sfilano come una mano che insegue
la penna del scrittore che insegue un pensiero,
un ricordo, una dolcezza.
E cosi seduta su questa sedia sto lottando
per l'incertezza della vita che si presento,
un giorno e mi rubo quello che io non ho
capito dai primi tempi tu cercavi di insegnarmi,
un bacio, una rosa, un sorriso, una lacrima,
una parole dolce, una carezza nel buio,
mi hai sempre strinta a te e silenziosamente
siamo andati avanti finché abbiamo arrivati ad
una eta dove ora ricordi e sospiri sono i nostri
compagni di giorni e di notte.

Sunday, November 18, 2012

Saluti

Gli ultimi saluti dal sole,
da molto sono scivolato nell'oblio,
lui deciso di salutarmi
prima di proseguire la sua strada,
quell'orizzonte me lo sta portando via.
Un'onda dorata, si avvicina,
e viene a sdraiarsi una volta ai
miei piedi, altre volte passa e va
dietro ad accarezzare la sabbia
ancora tiepida.
La mia sedia non e una poltrona
e la sento oscillare tra la sabbia
che non riesce a fermare i suoi tremori.
Cielo cielo ancora non hai rivestito
il tuo manto blu pieno di stelle,
aspetti prima che il sole svanisce
e rilasci i colori più belli di un arcobaleno,
nessuna nuvola verrà sul palcoscenico
a creare forme insolite per non
disturbarmi nei miei pensieri. Questa
sedia dondola e mi dice, ora basta
alzati e vai via cosi le onde non avranno
rimorso a portarmi via e diventerò solo
un ricordo tra le onde millenarie che gioca
con il sole e le stelle, la luna e le nuvole,
l'aria e il vento, il mormoro ti resterà nel
tuo cuore finché tu credi in me.....

Monday, November 12, 2012

Ieri - oggi - domani

"Qualcosa luccica tra le macerie. Non so cosa sia.
Vorrei distogliere gli occhi, eppure mi attira a frugare
tra ciò che rimane di un giorno lontano.
Mi avvicino con un po’ di timore
e uno strano calore mi pervade pian piano
mentre nell’aria, un acre odore si spande.
Immobile, mi fermo a guardare.
Mi avvolge una forza e con vigore mi stringe,
guardo attorno e con passo incerto
mi dirigo verso quel salice amico
dove il tempo mai sembra passato.

Giovani imberbi , come tanti altri, eravamo.
Mezza sigaretta sulle labbra scolorite,
una barzelletta e il nostro riso ostentato,
non per quanto fosse divertente il racconto
ma per farci coraggio e allentare la morsa
dell’ oscura, soffocante paura.
Quella paura che, in prima linea, giorno e notte
come gelosa amante ci abbracciava,
sostituendo neri presagi
al ricordo di un amore lontano.
E venne l’orrore, il fuoco e la morte
a decimare speranze aggrappate al domani.
In venti, nel nostro gruppo eravamo
e in cinque soltanto ci guardammo negli occhi:
E ora che cosa facciamo, dove andiamo?”
- gridò qualcuno con voce tremante -
“ Staremo qui a seppellire i morti ?
Lasciamoli lì e mettiamoci in salvo! “
Per un attimo scese un profondo silenzio:
"Voi andate pure, mi fermo io, qui.”
-disse il più giovane -
“Non mi sembra giusto abbandonarli così.
Con noi, al nostro fianco han combattuto.
Hanno combattuto per i padri e le madri
che hanno lasciato in paesi lontani.
Hanno lottato per i figli e le spose
che ora attendono invano il loro ritorno.
Come negare ai nostri compagni l’onore di una terra
che il loro sangue ha bagnato?”
Qualcuno chinò il capo ma nessuno si mosse.
Ci mettemmo allora a ricomporre
quelle povere membra straziate
raccogliendo qualche oggetto personale,
ricordo da rendere alle loro famiglie,
e le piastrine con matricola e nome.
I corpi poi disponemmo uno accanto all’altro,
sembrava quasi che si tenessero per mano,
e lieve di terra coprimmo le spoglie mortali.

Quanto tempo è passato!
Volevo tornare in questo luogo
che da tempo ho inseguito nei sogni
ed ora sono qui, con mezza sigaretta ancora
tra labbra scolorite dal freddo.
Come allora un raggio di sole illumina le fronde
del nostro albero di “salice piangente”
e fa baluginare un riflesso tra la terra smossa.
Mi sono chinato a liberare una vecchia catenina,
con una piccola piastra sformata dal tempo…
una lacrima l’ha bagnata, leggendo il mio nome
su quel che io persi in quel giorno lontano.

Ora so finalmente dove posso trovare riposo
ed è qui, accanto agli amici di molte battaglie,
dove il ricordo struggente diventa dono di vita.

==============================
Ieri no mi sentiva di publicare questo
per l'emozione troppo viva in me, al vedere la
sepoltura dell'ultimo Veterano di guerra 
Canadese del 1914-1918 deceduto 3 mesi fa.
Quelli del 1939-1945 sono quasi tutti deceduti
solo un centinaia rimasti, ma la piu grande 
tristezza era di vedere quei poveri genitori 
che hanno perso figli e figlie nei ultimi 10 anni...    
 

Sola


Sola io resterò
dopo tutto, mi avete abbandonata.
Sarò qui ad aspettare il vostro ritorno
dai paesi caldi e piene di sole.
Cosa si può fare, se rimasta
sola io cerco solo la mia salvezza
tra questo mare di neve e ghiaccio ....

Monday, November 5, 2012

L'Atesa Degenerativa

Sono qui seduta tra le mie ombre,
inaccessibile al mondo esteriore,
nessuno suono esce dalla mia anima,
no riesco a far movimenti con il mio corpo,
ma
io non sono morta,
sono viva,
una cosa mi sfugge nella mia vita,
e il motore intellettuale per poter
comunicare e l'armonia con il mio corpo.
Come posso essere felice,
quando la felicita mi e sconosciuta,
questa continua a scivolare tra le mie dite...
con tanta di tenacita ci prova,
o come ci prova, ma senza nessun risultato,
cosi mi chiudo nel mio silenzio e aspetto
che vengano gli angeli a prendermi,
portarmi dove tutto cio che sto passando
non importa a nessuno di loro, ne altre tanto
a me che non saro piu con umani demuniti
di pieta verso di me........

NB:  se uno potesse trovare il rimedio per l'alzheimer,
malattia degenerative delle cellule del cervello, che
una volta colpiva gli anziani, ma che da un po di tempo
sembra che sia anche per i più giovani, tutti sarebbero
pronti ad aiutare. Ecco perché dedica questo scritto
a la persone che studia su questa malattia, a le persone
che si occupano di questi ammalati, a tutti quelli che
vedano i lori cari morire a pezzetti ogni giorno... .

Wednesday, October 31, 2012

Messengers

Voleva partire per una crociera,
una di quella senza destinazione ben precisa,
Pero non avevo prevista l'arriva di una piccola
capricciosa, che ha messo una nazione in ginocchio.

Oggi ancora no si sente nessuno dal litorale sud-est 
al nord-est americano e cosi ho deciso di mandare un po di questi
gabbiani portare un mio saluto, sperando che tutti
stiano bene e al sicuro...
 

Tuesday, October 30, 2012

Amore perduto

Nel mio petto c'è un meccanismo rosso chiamato cuore,
batte a cento a l'ora o si ferma per prendere forze prima
di riprendere la sua folle corsa.
Dovrò seguirlo ciecamente ed impedire a gli ostacoli
d'intromettersi tra noi.
Se noi viviamo una favola d'amore,
questa diventerà la nostra vita,
devi leggerla ogni giorni,
devi sapere ascoltare e impegnarti
alla realita della favola.
Io non sono un poeta,
lontano da me a darmi questo titolo,
ma nel tuo sonno, TU credi di leggere le mie più favolose poesie.
Parole dolcissime scritte parte di questo dolce componimento
di parole che non oseresti farti vedere leggere nella mia presenza,
ma se leggeresti quando sei accanto a me,
il mio piccolo cuore si gonfierebbe di un amore eterno.
Quanto volte io mi ferma e ti guardo,
distratto dai tuoi pensieri e no vedi che io ti sto vicina!
La mia ombra su quella spiaggia ti confidò
le mie parole d'amore, sperando che si uniscono alle tue.
Mano tra le mano, camminiamo stretti lungo una
spiaggia senza direzione, i nostri passi seguano
le ombre in silenzio sperando che durassero a lungo. 
Ora tu cammini solo, ai miei gridi non ti giri,
mi chiedo sarà perché il mare e troppo rumoroso,
sarà perché gli uccelli di mare imitano i miei gridi,
ma tu ora continui la tua strada ed io resto qui
seduta su questa spiaggia fredda e senza vita,
a cantare un melanconico canticchio a mio cuore che batte
solo per non perdere abitudine, mi giro e no guardo
l'arcobaleno sotto la pioggia o sono le lacrime di
qualcuno che si muore per un perduto amore....

NB: Many thanks to Maxviator for the use of
this beautiful photo. Grazie a Maxviator per l'uso
della sua foto.

Tuesday, October 23, 2012

Pianto di un uomo

shhhh
shhhhhhhh
ascolti quei lamenti, pianti
stridente nel lontani.
Non saranno le anime erranti
del mondo che piangano...
Di colpo un silenzio macabre,
alzo i miei occhi per scrutare
l'intorno e vedo sulla collina un castello

abbagliato di luce.
Ancora quei lamenti, singhiozzi, poi il silenzio. Tutto riprende di più bello con la forza da fermare il mio passo indeciso. Passi lentissimi Raggiungo quel castello di luce a volte scintillante a volte opaco, Nulla riusciva a smettere quelle grida strazianti d'infiltrarsi nel mio cervello e nella mia anima.
Un spettro o un'illusione!
La vista di un cane bianco....
mi guardava, occhi pieni di furore con tanti
denti - ma non si avvicinavo, sembravo una
sentinelle con degli ordini.
Non far entrare nessuno a disturbare
l'autore dei lamenti. Mi metto a
girare... e ad un certo punto no capiva
piu chi di noi due girava intorno
all'altro.  Un violino piangeva,
una persiana sbatteva al vento rilasciando
suoni di una purezza e amarezza senza
fine.  Il cane si fermo all'ultima note
musicale ed io persa nei miei timori
pian piano feci dei passi indietro per
non svegliare l'ira del cane o era un
uomo vestito di bianco....
il castello rimasse silenzioso, chiuso al
mondo. Ma chi era curioso di vedeve
il cane-uomo bianco piangere? A volte si
sentiva il violino nel bagliore delle luce
del castello e se qualcuno portava attenzione
rivedere l'uomo-cano fissarti nel buio e le
luce aggagliante......

NB: Castle photo belongs to Soumen from
Fotonomy group.

Sunday, October 21, 2012

I'm always chasing rainbows....

Ieri sera, sabato, stanca di essere stata
chiusa in casa per il maltempo, quando
la pioggia cesso saltai nell'auto e mi
recai ad un santuario a 15 min.d'auto di casa...

Ecco cosa ho visto strada facendo, la fine o l'inizio di
un arcobaleno. Mentre guidava la radio cantavano
una canzone di un tempo che non ritornera piu:
"In fondo all'arcobaleno c'è la felicita e ho spesso
cercato di trovarla, ma la mia vita e solo una dura
rincorsa e tutti i miei sogno sono svaniti. Perché ho
sempre fallito! Quale ragione può esserci?
Cerco sempre l'arcobaleno, guardando tra le nubi
che si diradano.
I miei progetti sono come i miei sogni, finiscono in
cielo. Qualcuno guarda il cielo e trova raggi di sole
io guardo sempre il cielo e trovo la pioggia!
Qualcuno vince, almeno qualche volta, io ho sempre
perso.  Credimi, cerco sempre l'arcobaleno guardando
fra le nubi che si diradano. Cerco sempre un
arcobaleno aspettando invano una piccola rondine....

Monday, October 15, 2012

La natura non si deve guardare con gli occhi umani. Ma provi a vederla con gli occhi d'animali o creature inusuale.
Se piove, questi si mettano sotto l'ombrello o gli rami di un albero?  Se e troppo caldo mica trovano posti dove c'è l'aria condizionata?
E pure andando in campagna, una gallina mi guardava con occhi di paura...
Il cavallo sembrava dirmi "Ma tu cosa vuoi"..
Gli uccelli a volti stridenti come un treno d'alta velocità o a volte silenziosi come l'aria di un cimitero. Una volpa scappo come un lampo sotto i miei occhi, ed una "Lady bug" si appiccicava al mio maglione per non lasciarmi.La natura no cerca a meravigliare i suoi spettatori, ma sono gli spettatori a perdere fiato guardando la natura. Un ruscello canta, il vento urla, la pioggia ci rende bambini, il freddo ci porta momenti di calore di fronte ad un focolaio, con il caldo tutti si girano verso il mare e i tramonti.  L'alba ci porta consolazione di sapere che abbiamo ancora un giorno di vita avanti a noi e cosi Viva la natura, che si deve riguardare e non distruggerla.

Sunday, October 14, 2012

angel tears

Una notte di brutto tempo,
pioveva tanto tanto
che non riusciva a contare quei
fulmini esebirsi nel cielo,
no sentiva i tuoni che
mettevano paura nella mia anima ...
ma non era tanto per la pioggia,
erano lacrime ....
gli angeli piangevano per aver perso
la stella più bella.
Sto guardando il cielo come tutte le sere
e vorrei poter vedere una stella cadente
per esprimere un desiderio particolare:
la tua felicità.
Se fossi un fiore vorrei che tu fossi
i miei petali per averti x sempre stretto a me...
ti amo...

Wednesday, October 10, 2012

Cade la notte

Fuochi di mille colori lentamente svaniscono
nel buio più profondo della notte
per far posto a un manto di stelle,
che sfida la magia del mare
con la sua trama di brillanti
in un sogno dischiuso agli occhi incantati.
Nell’oscurità, guardo il cielo stellato
che gioca e ondeggia sull’acqua del mare
cullandosi fino ai miei piedi.
Ho gettato in un angolo lontano la paura
sperando che il tuo desiderio
non diventi una fugace avventura,
ma sia, tra noi due, un sentimento profondo.
Le parole che di continuo mi ripeti
son come tante piccole onde,
si infiltrano nel cuore, mutandosi in fragore.
Qui sulla spiaggia, nel buio della notte,
un amore pieno di speranza viaggia tanto veloce
da non lasciare traccia del suo passaggio.
Se dovesse cadere dal cielo una stella,
non potrebbe andare di certo perduta.
Sarei pronta con la mano a raccoglierla,
e dopo averla baciata, con un soffio,
la farei tornare fra le sue tante sorelle.
Una stella non può essere prigioniera,
ne della vita ne dell’ amore
ma, sospesa nello sguardo infinito,
vita e amore sempre racconta
a tutti gli innamorati del mondo.
Mentre mi addormento dolcemente
so che lassù veglia la mia piccola stella
e che torna ogni sera a farmi compagnia…

NB: Nella mia corsa contro il tempo non
ho visto l'aiuto portato dal mio prof . d'Italiano.
Scusa Davide e grazie.  

Monday, October 8, 2012

Non trova riposo...


Dal giorno che te ne sei andato,
senza darmi una mano,
per trascinarmi via con te,
io non esisto più.
No trovo pace e più nessuno
riesco a guardare.
Vorrei solo percorrere il mondo,
entrare nei tuoi pensieri
e chiederti perché mi hai lasciata
in un giorno pieno di sole.
Ora per me i giorni assolati
sono pieni di dolore.
Mi riportano alla mente uno 
specchio dorato e l'immagine
mia luminosa, con quel vestito
da sposa che fortuna non mi porto.
Da sola ho continuato la mia strada
sperando di trovare qualcuno
che riesca a sradicare il tuo 
ricordo dall'anima mia.
Mi potrei allora spogliare del
tormento di questo vestito e 
finirei di vagare senza meta, e con
un bacio al mio salvatore
potrei finalmente trovare, 
la pace che vado cercando.....

NB: Un giorno vi faro conoscere anche voi
questo mio "Maestro Davide" che mi e
di grande aiuto.



Saturday, October 6, 2012

Lungo week-end

In questa casetta di campagna,
tra un cielo minaccioso e
la campagna che cambia i colori
qualche anatre di passaggio
mi viene a salutare prima di
continuare il suo volo
verso il tepore del sud.
Chissa se ritornera a salutarmi
quando ancora verra primavera....
OK, ciao a tutte voi!
Li fuori, ho per amiche delle anatre
che non hanno molto pazienza!

Friday, September 28, 2012

Vecchia amica mia


Se una fata mi donasse le sue ali,
volerei fino a te, Luna
e come due vecchie amiche,
in un giorno, faremmo insieme
il giro di questo mondo.
Ciao mia cara amica,
domani sera torna a raccontarmi
tutte le tue avventure.
Io, come sempre,
sarò qui ad aspettarti....

NB: Ecco che il mio amico e 
ritornato a darmi consigli...
Grazie Davide

Sunday, September 16, 2012

Saturday, September 15, 2012

Vita di campagna



Cammina pian piano
per questa sinuosa
strada di campagna,
no indugiare per l'oscuro cielo,
e non fermarti ad ascoltare
il vento o il cinguettio degli uccelli
o altri suoni.
Libera la tua mente dalla
fragranza dei profumi che ti
assalgano,e profondamente respira,
respira la
VITA ...

NB: Davide sei grande.

Tuesday, September 11, 2012

Ti aspettero



Scura era la notte quando hai chiesto
quella parte del mio cuore
che giorno dopo giorno ho diviso con te.
Col tempo ho imparato a riconoscere,
confusa tra melodie senza parole,
il punto di luce che illumina ogni mio pensiero.
Durante il mio volo, con il tuo amore
mi hai sostenuto tra mille problemi.
Dal prato, in lontananza, un fischio mi raggiunge
e alzando gli occhi vedo dalla finestra
la notte seminata di stelle incantate
che giocano con la vecchia luna assonnata.
Una lucciola si mette a brillare solo per me,
per non farmi sentire così sola.
Il tuo cane, steso ai miei piedi,
forse sogna un mondo fatato,
dove corre attorno al suo padrone
e va a riposarsi su un po’ di paglia
con cui stava giocando, anche il vento 
e silenzioso e improvviso.
Sulla collina, un campanile illuminato,
fa da sentinella nella notte buia
per quelli che stanchi, ritornano a casa.
Non riesco più a tenere aperti gli occhi affaticati
che lentamente si chiudono mentre, nel pensiero,
qualcuno mi si siede accanto e mi dice :
“Dai, vai a dormire, domani io sarò qui al tuo fianco
e ti sveglierò con un tenero bacio.
A domattina… buona notte amore mio!”

Il muro

Il muro che non si fa gli affari suoi...
no voleva vedere quelle ombre anche
perche queste riflettano la mia pensata
un po confusa e senza fine.....

Shhhhhh - Silenzio

No words - no parole,
Only silence - Solo silenzio.

click Silenzio, click on Silence

So that no one ever forgets,
there is always hope.
Cosi nessuno dimenticherà,
c'e sempre speranze.

Monday, September 10, 2012

Souvenirs


L'estate tira a la fine,
il mare sara sempre li ad aspettarmi,
chi sa se io ci saro 
per giocare e diventare ancora 
un bambino tra le vaghe e la 
sabbia ..... 
Godetevi di questi ultimi giorni di sole,
mare, sabbia e non brontolate, la
vita si viva ogni giorni come se fosse
l'ultimo giorno.
Buona giornata o nottata a tutti.
Sweet dreams everyone.

Saturday, September 8, 2012

Circolo della vita


Albero alto, storto,
ogni piaga e un anno della tua vita.
Con le scorze divorate dal tempo
una foglia si solleva rilasciando
una perla di lacrima.
No vuole lasciarla andare il tuo
ramo pieno di nodi per paura che
si muore di seta, seccandosi e
morire sul prato, ma quella perlina
seguirà il suo percorso naturale e
non si lasci intimidire.
Albero albero mica sono la prima
perlina che rilasci nel vuoto,
e non sarò l'ultima, tu portando vita
tra le tue vene e radice
dovrai lasciare far anche tu,
che la natura segui la ruota della vita
e del destino senza contare le centinai di stagione
vissuti.
No farti pigro nella tua vecchia eta,
e ora di lasciare posto ad altri,
con nuove vite, nuove idee,
nuove sentimenti.
Lasci che gli uccelli portano
ancora i lori piccoli e te li affidano
per un corto periodo,
fai che gli animaletti della foresta
o quei un po più pazzi delle
città trovato rifuggii sotto
i tuoi rami duranti i grandi
calori, ma non impazzire
quando il tuo nemico vento si
scatena o i troni ti tagliano
un pezzo per lasciarti morire
senza pietà, questo e la vita
e nessuno può cambiarla!

Piccolo Fiore

Piccolo fiore vivi questi ultimi giorni
sulla terra che ti nutrisce prima di
far parte della storia estiva che tira a la sua fine.
Nel tuo modo di vivere e di sorridere
farai onore al sole che secca
i tuoi chicchi di semenza e
li nasconde tra i surcchi della terra.
Il mare e le nuvole ti fanno dono delle
vitamine per farsi che diventi sempre più
bello e forte. L'uomo con la sua
mano non sempre ti aiuta a crescere...
la sua gelosia immensa lo fa
diventare il mostro dei prati,
del cielo e dei suoi abitanti.
Distrugge le bellezze e nuoce a
l'equilibro della natura. 
Uomo uomo pensi di essere più
intelligente dei intelligenti,
ma in fondo non sei altro che un
sfruttatore, calpesti ed insulti
le bellezze naturale, dove passi
tu, tutto bruce e nulla più rinasce.
Auguriamo che le future generazione
siano più comprensibile e costruttrice,
tu ed io piccolo fiore vogliamo tanto
dare al mondo futuro senza pero
esserne sicuro di poter riuscire.

Friday, August 31, 2012

I'm almost there




















Adoro scrutare un cielo stellato
dal mio angolino nascosta tra
camini senza scopi e ripianti dal
nuovo continente.
Mili raggi della luna argentata e pallida
sospesa li, quella signora, ci saluta tutti
noi con un suo finto sorriso e
mi racconta il suo camino,
cuori lasciati in estasi con tanti di quei
sospiri, anime ritrovano la pace al solo
suo sguardo ed alcuni gli mandano un
bacio per ringraziarla della sua compagnia.
Darei mia vita per sentire racconti di semplici
sogni di bambini ingenui sull'orlo della notte
ed vedere bellezze dove io era cieca.
Come un fiore crescerai, e goderai raggi di sole
mentre ancora tu credi nella semplicità della vita.
Sulle ali del vento continuerai tua corse
e mi lascerai col silenzio delle mie parole
mai formulate e prigioniere nella mia anima.

PS: Questa bambolina scoperta ieri sera dopo
una lunga passeggiata in cerca di far qualche
foto della luna blue, ma la luna era arancione,
e se questa sera il cielo e chiaro (che dubito)
riproverò il stesso scatto con la luna piena e
speriamo blue!

Wednesday, August 29, 2012

Sentimenti nascosti

Io voglio te,
voglio la tua presenza,
visto che non puoi darmi altro...
ma almeno quella so che me
la puoi dare.
Il tuo pensiero che io capisco,
la tua anima che conosco,
il tuo cuore che ho ascoltato per
lunghissimi mesi.
Io doveva far molto attenzione per non far
vedere tante conse, quante volte
andavo a dormire contenta perche
sapevo che tu aveni questi sentimenti,
per poi aspettare la sera dopo e mi davi
altre illusioni, ma sapevo anche che erano
solo per nasconderti ed allora avevo la
forza e la pazienza di aspettare, cosi ho fatto
nel mio silenzio anche se questi sentimenti
cosi strani, non li avevo mai provati,
ma so che c'erano per me e per te e sono
sempre li anche se ognuno fugge dall'altro.
Ci sono,
li sento,
li tocco....

Monday, August 27, 2012

Fly me to the moon

I was a young girl dreaming of
a flight to the moon!
And you managed and granted
my wish by going there &
showing the world and me
what it was like.
R.I.P,
now the moon is all yours to enjoy in eternity.

Tribute to Moon Man... Space Oddysey

Saturday, August 25, 2012

Arriva l'alba

A grandi passi arriva l’alba
dopo una notte di violenti temporali.
I lampi, attraversando le nuvole fitte,
hanno illuminato la mia finestra
di mille, luccicanti fiammelle.
L’estate finisce ma lascia ricordi
da conservare per i freddi giorni
di una stagione in cammino verso di noi.
Quanto vorrei che, nel buio,
l’inverno smarrisse la strada!
In quei gelidi giorni guarderò
le foto di un tempo passato,
e ti vedrò invecchiare, amico mio,
e dirò quant’è bello vivere
portando con noi la speranza
nel futuro che ci attende.
Sempre ho cercato risposte,
ma queste arrivano
quando meno te le aspetti
o quando più non le attendi.
A volte la vita ti getta per terra,
ti sorprende lasciandoti solo,
senza un attimo di respiro,
e, ancor peggio, senza speranza.
Eppure si deve andare avanti, anche se,
risposta non c’è ai tuoi ostinati perché.
Impreviste però, come lampi nel buio,
troviamo in noi stessi le giuste parole,
magari sfogliando un vecchio libro
o un caro diario ingiallito dal tempo.
E così ancora io dico buongiorno al sole
e gli racconto le mie pene,
gli confido i miei segreti
pregandolo di ritornare sempre
alla mia finestra…

NB: Sinceri ringraziamenti a Davide che con
pazienza offre il suo aiuto con la lingua Italiana.

Wednesday, August 22, 2012

The thinker

Oh mio dio, cosa mi succede,
questi pochi giorni speravo di viverli
in quietudine giornaliere, voleva
aprire le mie ale e volare per il mondo,
a volte con una bici, a volte a cavallo
volante, sarei diventato un aquilone nei
cieli e montagne piu rinomate e meno,
volevo farmi un bagno in paesi  mai visti,
nutrirmi di cibi paesani o esotici,
correre tra i deserti e non inquietarmi si
diventasse rosso dalla sabbia del continente
lontano da me.
Ma mi debbo star fermo, no dimenticare
il mio bastoncino e farmi solo due passi
senza fretta intorno a quello che ho conosciuto
tutto la mia vita......
Io non so piu pregare, voglio solo star solo
e non essere un peso per il mondo. 

Sunday, August 19, 2012

Give a smile

If you see
someone without a smile
give them one of yours....

Se incontri qualcuno senza un sorriso,
dagli uno dei tuoi.....


Friday, August 17, 2012

Prigione


Una prigione non e solo tra quattro muri,
ma e il manco del spazio, quel spazio
opprimente senza aria,
si può vivere circondati da ferriate,
ma ci manca quel odore del sole sulla pelle.
Si può contare su la luce artificiale
ma ci manca quei raggi della luna per farti sognare.
Passi sconfiggano la tranquillità della notte.
Odori di tanti ragni, si spande tra la gente
e no riesci a toglierteli dal tuo corpo.
Una zanzara fugge via per paura di non
potere evadersi da quel posto scuro,
silenzioso e senza vita.
Una foto appiccicata al muro parla
senza farti comprendere che lei
e li da quando c'è la messa ulteriore
abitanti di questo posto mai usciti vivi.
Mai io non mi faro abbattere da questo
sistemo carcerare, io non faccio parte di
questo villaggio rinchiuso solo per aver
rubato un tozzo di pane.
Come oddio questo posto,
l'oddio con tutte le mie forze e
voglio cacciare via questa prigione
dal mio cervello.

PS: Ieri guardando un vecchio film che
parlava di prigione mentale mi a fatto
riflettere molto e ho provata a mettermi
nel caso di una persona che non e completamente
afflita di malatia mentale, ma neanche e al
100%.  No sono contre queste persone e spero
che si c'e qualcuno che si senta male, mi
dispiace, ma se non se ne parla, nessuno
puo capire l'altra persona.

Tuesday, August 14, 2012

Tracciero il tuo nome


Userò una calligrafia
delicata e dorata
per tracciare il tuo nome nel cielo.
Sposterò le stelle
per fare luce alla notte,
la luna sarà complice e
rifletterà con visibilita
il tuo nome tra i continenti
e le profondità dei mari,
questo sarà il nostro accordo
e annuncio che il nostro
amore non muore ne col tempo
e ne con i dolori,
la felicita sarà la nostra compagna
di tutti gli giorni, ma solo se
IO E TE, ci mettiamo del nostro.

Sunday, August 12, 2012

Sound of Silence

Sound of Silence
by:
Simon & Garfunkel
Hello, darkness, my old friend
I've come to talk with you again
Because a vision softly creeping
Left its seeds while I was sleeping
And the vision that was planted in my brain
Still remains
Within the sound of silence

In restless dreams I walked alone
Narrow streets of cobblestone
'Neath the halo of a streetlamp
I turned my collar to the cold and damp
When my eyes were stabbed by the flash of a neon light
That split the night
And touched the sound of silence

And in the naked light I saw
Ten thousand people, maybe more
People talking without speaking
People hearing without listening
People writing songs that voices never shared
And no one dared
Disturb the sound of silence

"Fools," said I, "You do not know
Silence like a cancer grows
Hear my words that I might teach you
Take my arms that I might reach you"
But my words like silent raindrops fell
And echoed in the wells of silence

And the people bowed and prayed
To the neon god they made
And the sign flashed out its warning
In the words that it was forming
And the sign said, "The words of the prophets
Are written on the subway walls
And tenement halls
And whispered in the sounds of silence"

NB:
These two were part of my youth and
enjoyed every minute of their music.

Buona Domenica

Per i vacanziere di tutto l'Italia
Buona Domenica ....

Buona Domenica da un grande dei tempi passati.


Ciao e buon ascolto a chi piace e chi no - pazienza.

Saturday, August 11, 2012

Con il calmo della notte

 
Premi su questo Twilight Time e ascolti un po:


Pensieri rimbombano uno dopo l'altro,
seduta sulla sabbia ancora calda,
penso a te guardando
questo sole riflettersi sul calmo mare,
il quale sembra che sia ricoperto
di un tappeto di diamantine oscillanti.
Una barca senza vela, si gondola
sotto la luna piena,
circondata dalle stelle e pianeti lontane. 
Un fuoco ardente si disegna sulle
onde addormentate.  Un'onda viene a
bussare a la barca, ma non c'è nessuno
per rispondergli, l'onda ci riprova
senza stancarsi. Tra perimetri nebbiosi
l'onda non si affolla a ritornare a la
sua solitaria passeggiata.
I miei pensieri, arrugginiti come petardi,
esplodano in un fuoco ardente e trasformati
in cenere, volano via dalla mia anima senza poter
fermarli.
Ho smesso di amarti una lontanissima
notte senza stelle.
Non credo proprio che una di quelle stellina
cada e mi chiede di fare un desiderio.
Stai zitto cuore mio, io risento solo un
bisbiglio che si perde nei ritmi caotici
del mare quando s'infuria. 
Ci sono tante cosa che vorrei spiegarti
e non posso.
Vorrei proclamare il mio amore per te
e non posso, 
Passerei une vita a vivere con te e non
posso,
Ho smesso di credere in tutte le
possibilità, e questa sera ho spento
la candeline che illuminava i miei occhi,
ho pensato che era ora di spegnere
il mio amore per te.

NB: Photo is not mine, author who recognizes
this shot, do not hesitate to leave me a
comment, so that I can give you credit for it.

Friday, August 10, 2012

Unchained melody - Senza Cantene

Questo signore mi ha fatto ricordare una canzone dei
anni 1965, che fu un gran successo che non muorera mai.

Unchained melody

Questa e la versione italiana di Iva Zanicchi:
Versione di Iva Zanicchi


Tuesday, August 7, 2012

Realta o Illusione

Riconosciamo cosa sia
la realta
o solamente
una illusione?
Io a volto non ci riesco
e spero che i lettore
abbiano piu successo di
me tra questi due
fattori della vita.

Sunday, August 5, 2012

Ciao Norma Jean

Goodbye Norma Jean... ♥
And it seems to me you lived your life
Like a candle in the wind
Never knowing who to cling to
When the rain set in
And I would have liked to have known you
But I was just a kid
Your candle burned out long before
Your legend ever did.
(nb: these words in english are not mine).


Tu Marilyn Monroe sarai sempre Young.
non te ne sei andata quella giornata
50 anni fa.  Sei sempre tra le stelle
che brillano per tante generazione.

Buona domenica

A tutti quelli che seguano questo BLOG,
vi auguro una bellissima domenica ovunque
voi siete nel mondo!
Ciao a tutti e grazie per il vostro aiuto.

Northern Star

Friday, August 3, 2012

Da Romeo e Giulietta

Perche mi e venuto il desiderio di leggere questo
passaggio di Romeo e Giulietta ..... Sara che
il mio Romeo non ha nessun senso di romanticismo!
boh...

 
Ma, piano! Quale luce spunta lassù da quella finestra?
Quella finestra è l'oriente e Giulietta è il sole!
Sorgi, o bell'astro, e spengi la invidiosa luna,
che già langue pallida di dolore, perché tu, sua ancella,
sei molto più vaga di lei.
Non esser più sua ancella, giacché essa ha invidia di te.
La sua assisa di vestale non è che pallida e verde e
non la indossano che i matti; gettala.
E' la mia signora; oh! è l'amor mio!

oh! se lo sapesse che è l'amor mio!
Ella parla, e pure non proferisce
accento: come avviene questo?
E' l'occhio suo che parla; ed io risponderò a lui.
Ma è troppo ardire il mio, essa non parla con me:

due fra le più belle stelle di tutto il cielo,
avendo da fare altrove,
supplicano gli occhi suoi di voler brillare
nella loro sfera, finché esse abbian fatto ritorno.
E se gli occhi suoi, in questo momento,
fossero lassù, e le stelle fossero nella fronte di Giulietta?
 Lo splendore del suo viso farebbe impallidire
di vergogna quelle due stelle, come la luce
del giorno fa impallidire la fiamma di un lume;
e gli occhi suoi in cielo irradierebbero l'etere di
un tale splendore che gli uccelli comincerebbero a cantare,
credendo finita la notte.

Guarda come appoggia la guancia su quella mano!
Oh! foss'io un guanto sopra la sua mano,
per poter toccare quella guancia!

Tuesday, July 31, 2012

Lettera aperta

(Questa è una lettera in inglese trovata oggi per strada,
non ho idea a chi appartenga, ma i problemi che vi si leggono
sono davvero difficili da risolvere).





Il cuore mi si spezza giorno dopo giorno.
Una mano mi attanaglia e non mi da tregua.
Che brutto giorno e oggi; caldo e umido opprimente.
Non trovo riposo per i miei tanti pensieri.
Sono una povera nonna che vuole salvare il mondo
ma che non riesce a salvare se stessa.
Piccolo e grandi rimorsi entrano per la porta
che dritta conduce al cuore e goccia a goccia,
come l'acqua che cade sulla pietra,
scava un buco nero, perfido, malizioso.
Un vuote in cerca di rivalsa, anche se so
che questa non potrà aiutarmi a superare le
difficoltà e le pene della mia vita.
Maledetti questi tempi in cui non si riesce più
ad occuparsi di un vecchio genitore,
anche se testardo, ma pur sempre genitore.
Perché vuoi mettere figli contro figli, nipoti contro nipoti,
marito e moglie uno contro l'altro,
solo perché vuoi sentirti padrone della tua vita?
Eppure sai di non essere più in condizione di salute
per restare da solo in casa...
Si, lo so, vuoi tener fede alla promessa
fatta alla tua compagna, di restare la dove avete
vissuto una vita intera, ma la vita di oggi crea
difficoltà ai figli che devono prendersi cura di un
genitore. I motivi sono tanti: la salute, l'età avanzata,
i figli ancora in casa, la precarietà del lavoro....
E vero, tu sei vecchio e ammalata, ma non vuoi
sentir ragione e non ti preoccupi dei problemi che
hanno i tuoi figli e cosi crei solo sofferenza, astio e
rimorsi. Dici che ci hai dato la vita ed ora siamo indebitati
nei tuoi confronti.... e non sai che oggi questo non si può
più dire!
Caro papa, i tempi sono cambiati e malgrado questo
i tuoi figli cercano di essere ragionevoli, ma tu vuoi tutto a
modo tuo, quando vuoi tu e come vuoi tu.
Noi figli non c'è la facciamo più, non vogliamo
abbandonarti, ma anche tu devi fare la tua parte...

NB: Mi chiede se questo vecchi abbia fatto una promessa alla sua
defunta moglie di non lasciare mai la sua casa per andare
in una casa per anziani.  Mi chiedo anche se questo vecchio
stia creando problemi gravissimi ai suoi figli, e questi non
hanno la forza per metterlo in un ricovero per il suo bene.
No saprei, se io fosse nei panni dell'autore di questa lettera,
davvero non saprei neanch'io cosa fare!

Note: Un sincere ringraziamente a Davide, che anche durante
le sue ferie mi da un colpo di mane, grazie Davide e come
diciamo in inglese "Enjoy your well deserved vacations".