Monday, February 28, 2011

Brilla una stella

Guarda il cielo dalla tua finestra
e nel mare tenebroso di questa notte,
fissa lo sguardo su di una stella
e dalle il più esotico nome
per differenziarla da tutte le altre.
Se la vedrai brillare, vorrà dire
che il mio pensiero ti ha raggiunto…
perché ti voglio un mondo di bene
e vorrei restare nei tuoi occhi in eterno.
Tra dolci note di una musica zigana,
a te vola il mio pensiero e amorosi baci,
più teneri di piume, ti ho mandato.
Di te ho parlato ad un raggio di sole
ma lui non sa tenere un segreto
e prima di allontanarsi l’ha confidato
posandoti sul viso il mio amore per te.
A me stessa e a voi stelle del cielo,
non posso mentire sul perché ti amo
e tue sono le parole che mi restano in mente:
“Non esiste lontananza, non ci sono distanze,
né ci possono separare attimi o secoli
se vero è l’amore, quando avvampa
più non lo puoi dimenticare.”
Una lacrima mia nell’oceano è scivolata, 
smetterò d’amarti solo quando potrò ritrovarla
e sai quanto impossibile sia la sua ricerca.
Continuerò così a perdermi nel tuo viso,
nel tuo sorriso, sulle tue labbra
amandoti per sempre…

Tuesday, February 22, 2011

Orchidea solitaria

Una solitaria orchidea mi portavi ogni fine settimana
ed era chiaro il  messaggio di quel gesto:
 "Una sola orchidea per un unico amore;
il nostro  amore che  il tempo rende fiero
d’esser proclamato al mondo".
Nella buona e nella cattiva sorte, nessun'altro amore
era come il nostro, così smisurato e senza confini.
Nessuno poteva tra noi  frapporsi o separarci
perché era l’amore profondo  da sempre atteso,
quell’amore che mia hai portato, quando,
uscito dai miei sogni, mi hai preso tra le braccia.
Hai fatto breccia là, dove tanti hanno rinunciato,
cercavano in me  ciò che non potevo dar  loro,
ma tu con la fierezza fissata sul volto
ed una solitaria orchidea tra le mani,
mi hai fatto capire che ancora potevo sperare
e trovare quello che davvero si cerca nella vita.
Siamo stati compagni di gioventù, amanti in
una vita a due, e adesso con amore paziente,
continuiamo insieme verso i giorni di una quieta vecchiaia.
Ci accompagna il ricordo di quei  venerdì sera
quando ritornavi a casa ogni volta, con la solitaria
orchidea tra le mani  e l’emozione dei  nostri primi
incontri  e il sogno della nostra giovinezza
continueranno  fino  alla fine....

NB: Grazie Davide prendi cura di quel raffreddore.

Sunday, February 20, 2011

Un bacio dolce come il miele

Ho sentito qualcosa imporsi sui
miei desideri una notte di maggio. 
Ho lanciato la mia risposta con
ardore da un monte in riva al mare
e ti ho chiamato in silenzio, ma
nessuno risposta mi e pervenute.
Seduta li a contemplare il paesaggio
svestirsi degli ultimi vestigi della
giornata per allungarsi sul letto
dell'orizonte, senti un'odore di
miele e di murmuri delle api ritornate
da poco dalla caccia a i fiori gonfi
di miele d'oro e dolce come la
giornata che oramai si e spenta... 
Ho continuato l'avventure
delle api che cercavano il miele della
vita rubato a l'anima di un fiorellino.
Ho sperato incontri silenziosi li
su quel monte, la mia gelosia divento
senza fine al vedere l'armonia della
natura confrontare la tempesta che
si alzava in me dopo aver fatto una
domanda al cui io rispondeva,
ma nessun'altro si permetteva di
fare l'equazione dei miei emozioni, per
la paura della mia reazione.  A la fine
alzava gli occhi verso quella luna
argentata e ricordo la mano scivolata
un po’ più dolce e lenta
lungo il mio viso e rubare un bacio,
bacio dolce come il miele delle mie
fedele amiche...

cartoline

Ciao a tutti, in un angolino del mio pc,
oggi ho ritrovato delle cartoline da autori molto belli
sia dentro l'anima, che fuori, alcuni ancora oggi sono
dei miei amici fedeli, altri continuano la lora strada
senza di me. Per me non erano cartoline,
erano tesori accantonati li durante tanti anni,
quando io era ancora un po più giovane,
mio viso non aveva le rughe che traspaiano
sul specchio ogni mattina, quando i trucchi
era sconosciuti, perche era gia naturalmente
risplendente e no mi servivano. 
Ma guardi come la vita ci cambia,
cosi da un giorno a l'altro, delle cartoline rilasciano
una verità che no voglio guardare in face. 
Come mai  le persone sono cosi belli a la
nascita! io no vedo il perche mio corpo oggi
non e più cosi morbido, bello, fascinante ai
occhi di chi lo guarda.  La mia pelle una volta
cosi traslucente faceva l'invidio, oggi pero
quell'invidio e sparito.  No voglio guardare e
farmi influensare dalle giovane senza pudore,
si mostrano più elegante, più disinvolte, se guardo quelli
della mia eta, si, sono ancora molti giovani
in parole, ma nessuno racconta quando gridi
dolorosi del mattino diventano peggio di una carretta
rotta, le osse che rifiutano di muoversi, una
mano che non riesce ad alzare una tazzina
di caffè, piedi che non trova un paio di scarpe
che li tengano contendi.  Vogliamo
farci vedere che siamo ancora dritti come un
palo, mentre in realtà se qualcuno ci offre una sua
sedia, sono la prima ad usarla.  Ma anche con
tutto ciò, io no voglio essere un peso per la
società, per la famiglia, per me stessa,
continuerò ha pensare di aver 30 anni, come
quando quelle cartoline iniziarano ad arrivarmi
e se ancora ne ricevero oggi, saranno ancora più
preziose perche vuole dire che c'e ancora qualcuno
a chi io piace e mi pensa.......

Monday, February 14, 2011

To all my friends, a tutti gli amici

Grazie per gli auguri di San Valentino ricevuto dai 5 continenti.
Spero che saro perdonata per no avervi mandati gli auguri prima,
ma di questi giorni sono un po indisposta e cosi dico: Grazie a tutti,tutte.
con questo bacio
grande, grande.

A huge thanks to
all my friends around
the world who sent me
wishes for an Happy
St.Valentine, hope to be
forgiven for not have initiated
this tradition but I am not
feeling too well, so have a
great one and watch for
these kisses.

pris le temps de me souhaiter un joyeux Saint Valentin, j'espere que le votre a ete une journee
memorable et a la prochaine. Salut tout l'monde.

Sunday, February 13, 2011

Bacio di Cioccolatino

U
Un cioccolatino "Bacio" nella mia cristalliera
mi riporta indietro di sette anni:
un periodo colmo di ricordi.
Guardavo il cielo stellato, e una stella
più delle altre, sembrava fissarmi.
Stupita, la scelsi, era la più piccola stella,
e con candore la chiamai "Valentino"
sapendo che da lassù, avrebbe mandato
riflessi argentati, brillando in eterno.
Sarebbe sempre stata lì sotto i miei occhi
a ricordare il tuo viso pieno d’amore.
Nessuna nota musicale può impedire
al mio pensiero di volare a te; 
nessuna furiosa tempesta
scatenata dagli elementi della natura
può spezzare gli attimi vissuti insieme,
neppure il caldo più intenso può soffocare
il mio amore verso di te, Valentino.
Io so che mi hai amata e mi ami
come si ama un grande amore.
Come il mare che offre un talamo al marinaio,
nel profumo intenso dei fiori di campo
tra la tenera erba complice,
dolce accarezzavi il mio corpo.
Caldo ci abbracciava il sole
e d’oro le nostre membra rivestiva
là, dove poche ore dopo,
tra gli ultimi baci e le lusinghiere promesse,
il sogno sarebbe lentamente svanito.
Resta quel bacio in cui ti nascondi
e nel quale continuo a cercarti…
Io so che manterrai la tua promessa,
mi riporterai un altro cioccolatino “Bacio”
ed io, come sempre, l'accetterò
guardandola furtiva in quella cristalliera...

PS: Tengo a ringraziare il Sig.Davide per
il suo prezioso aiuto.

Friday, February 11, 2011

Mi Sento Stanca

PS:
Mi sono messo nella scarpe di una persone che
deve occuparsi di un'amalata (per anni). Sono sempre le
donne che si occupano di questi amalatti e cosi
ho cercato di vedere e risentire cio che la
persona possa risentire, perche no dare una o due
giornate libere a queste persone, cosi si posso ricaricare
sia la mente che i lori corpi......
*********************************************************
"Sono stanca, sinceramente stanca
non so per quando tempo ancora poro
sopportare questa stanchezza che dura
da decenni...
Cosa ho fatto per meritarmi questo castigo!
sarà perche sono stata messo al mondo,
senza chiedermi il mio consenso, ho perche
2 persone giocando decisero di mettere
alla luce un figlio/figlia.
Ora sono io che sto pagando le conseguenze,
con un anello che no solo mi stringe il dito e mio
corpo ma anche la mia anima nocente di essersi
trovato in questa situazione.
Sono stanca di vivere cosi, di vivere con una
bomba a ritardamento nel mio letto, stanca di
saltare fuori dal mio letto perche quando no te
l'aspetti la malattia grida nel buio della notte, come
può gridare a rompere i temprano a qualsisia ora.
Sono stanca e no posso parlare con nessuno,
sono stanca e nessuno mi vuole ascoltare,
sono stanca perche quel grido non e mio ma
e peggiore che se fosse il mio. 
Sono stanco di sentire dirmi, dai mica sei tu
che gridi, lasci perdere no opponenti a destini
tracciati per te. 
Io sono stanca di non sapere come mettere fino
a questo grido che ho sopportato per anni ed anni.
Ora nella mia anzianità, mi manca il coraggio di
combattere o di essere menefreghista, vedo intorno
a me cose che non riesco a comprendere, vorrei un
mondo, famiglia e famiglie più unite con chi ti puoi
separare questa mia stanchezza che mi afflitte e che
un giorno voglio lasciare dietro di me per una vita
meno fastidiosa, più serena e dove malattia non
esiste più....
Ora sono cosi stanca che anche il mio cervello no
sa più casa scrivere o spiegare ciò che risento in me,
guardo quel oggetto e mi dico e lui che mi dara
un'altra vita migliore.... ma mi sento troppo stanca
e cosi vado a riposare e spero di essere in un stato
d'anime piu piacevole...."
**********************************************************

Friday, February 4, 2011

Nessuno era li con me....













Questa sera avevo le formiche sotto i piedi e cosi anche se fuori era freddo, mi sono vestita come l'uomo delle neve e uscita a farmi 4 passi al mio posto preferito, avevo bisogno di pensare con calma, voleva aria nuova nei polmoni, se non era cosi freddo mi sarei seduta con un foglio di carta, e mi sarei messo a scrivere quello che mi passava per la testa - vedere la realtà che sta intorno a noi ma che no vediamo più ad un certo punto della giornata e cosi mi sono messo a parlare ad un vecchio gabbiano incuriosito dalla mia presenza li con quel freddo da cane, ma lui andava cercando un po di pane ed un po di compagnia, mi sa che anche lui era li per passare un po di tempo prima di andarsene al suo nido per la notte...
                     


Wednesday, February 2, 2011

Lupo di mare....

Silenzio.
Immobile ascolto la poesia dei fiori che ondeggiano in un 
verde prato sorridendo al tepore del sole.
Saluto le nuvole candide, quasi irreali che si muovono 
lente sulla melodia portata da una bava di vento.
C’è nell’aria il vago profumo d’erba fresca appena tagliata.
I miei occhi stanchi inseguono l'uccello che più non riesce 
a trovare il suo ramo e sbatte le ali in frenetici giri
tra gli alberi fitti ed il prato cercando un posto tranquillo
dove riprendere la sua melodia.
Ricordi evocati e tornati alla mente nel silenzio dell’ora 
che malinconica fugge senza fermarsi, mentre il giorno 
si sveste degli ultimi rossi colori e la luna, pallida bolla, 
curiosa sale nel cielo.
Con un petalo di selvatico fiorela mia guancia ora accarezzo
rimuovendo fastidiose ragnatele,sulla mia barca,in solitudine 
tessute mentre lento fluiva il tempo in mezzo allo sconfinato mare.
Ora basta, opprimente silenzio!
Ora cerco la gioia, il vociare della gente, voglio sentire i 
canti e la brezza serale, percorrere luoghi familiari 
e incamminarmi verso quel sole che pian piano sbiadisce.
Voglio risvegliare l’anima mia e cantare nella notte, 
ancora una volta, i sogni stupendi dalla vita concessi .
Ti ringrazio, nera distesa di acqua che nelle mani mi 
ributti granelli di sabbia e come in un ultimo bacio mi sussurri:
“  Non sarò più io a cullarti la notte,
non sarò più io a nutrirti come nei giorni passati. 
Le mie onde impetuose ti lasceranno in pace
e ridono ancora del tuo pugno rabbioso
mentre mi lanciavi l’ennesima sfida.
Ora tutto è finito vecchio lupo di mare,
riposati pure tranquillo, tanto so che da me
non puoi stare lontano e non credere
che alla fine io ti possa lasciare.
Arrivederci ti dico e aspetto finché
ancora per me sarai pronto....”

NB: Davide "Thank you".

Where's the sun and the sand beaches.....

Today I feel like bitching, I just opened my eyes and whoopy
do there's wind, snow, wind, snow, wind and more snow...
I dreamed I was on a white sandy beach with blue water and
gentle waves caressing me, but instead I put my head out and
was almost blown away by gusty winds and snow.
Have a super day everyone and drive carefully if you need to
go out.
Oggi ho voglia di lamentarmi.
Appena ho aperto gli occhi
Sono stata presa dallo sconforto
nel vedere neve e vento, neve e vento
e ancora neve e vento...
Avevo appena sognato una spiaggia bianca, 
davanti a un mare blu e sotto un cielo turchino,
dove un lieve vento caldo mi accarezzava.
Ora invece... ho messo fuori la testa,
il vento e la neve quasi mi portano via.
Che giornata! Siate prudenti sulle strade
se per forza dovete uscire...